sabato 9 novembre 2019

ROBERTA CALATI

Non ho ali eppure volo
girovagando tra i sentimenti
sfamo la carestia.
Priva di danari mendico
emozioni concedendo
ai primi albori una rinascita tirando l'amo dalla fossa
portando in salvo il meschino mentore che volle sottrarsi dalla vista della gloria
Ho un etá da rispettare
che risiede nel mezzo cento
in attesa del novello anno ch'erge tra lo spazio accerchiato del numero privo di valore
Ora soddisfatto l'un arriverá
promettendo buone nuove
e chissá magari questa volta m'aggrada e non vorrei dubitare leggendo un nuovo testo che preclude le parole dette
Confido, affidandomi al libraio greco la mia confusa espressione ch'esce viva dalla tomba e ora...
e ora sia la tua e la mia Poesia
Roberta Calati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento