domenica 24 novembre 2019

IL BOSCO di ORIETTA ROMANATO


"Il bosco"
Il bosco non mi fa paura. Non più.
Mia madre mi ha sempre messo in guardia dai luoghi che celavano insidie.
Crescendo, non ho mai scordato la favola di Cappuccetto Rosso, tenendo a bada i lupi affamati che più di una volta hanno bussato alla mia porta.
Sono cresciuta con la consapevolezza che essere donna è un danno, un problema mescolato a fragilità e forza incoerente.
Ho lottato per diventare grande, per non perdermi nel bosco e trovare un luogo dove rifugiarmi e sentirmi a casa.
L'avevo trovato quel rifugio.
Profumava di pane caldo e biscotti dolci, di cioccolato fondente e miele brunito.
C'era amore in quel luogo.
C'erano carezze e baci, c'erano abbracci lunghi e sorrisi limpidi.
Cappuccetto Rosso aveva trovato il Principe, trasformandosi in una Cenerentola dei tempi moderni.
Una Cenerentola stupida, un po' come tutte le Cenerentole simili a me.
Come siamo sciocche noi donne.
Quando amiamo ci mettiamo il cuore e per noi tutto si colora di rosa, di luce soffusa e melodie lente.
E diventiamo cieche.
Non ci accorgiamo che gli occhi di chi amiamo hanno sfumature buie, hanno sguardi d'amore che amore non è, che la gelosia non è possesso, che una carezza non può essere un pugno.
Non percepiamo la brutalità di un gesto, la minaccia urlata in un litigio, le promesse vane in perdoni senza speranza.
Abbracciamo il lupo.
Quello che nel bosco era carnefice, lo abbiamo accanto e ci infligge paura.
Ci regala dolore, lividi, terrore.
Ci soffoca la dignità, il rispetto di essere donne.
Amiamo e perdoniamo.
Crediamo che sia amore, che tutto può cambiare.
Che l'ira e la rabbia siano la causa principale per un amore diverso che ha solo perso il senso.
Allora amiamo il doppio, dimenticandoci di noi stesse.
Fino alla fine.
Quando tutto diventa orrore.
Quando la pelle nuda è segno di percosse.
Quando la morte è l'epilogo di una fiaba moderna.
Il bosco non mi fa paura. Non più.
Sono sicura qui ora.
Lui non mi può più trovare adesso.
© - Orietta Romanato
Copyright - Legge sulla proprietà intellettuale
n. 633 del 22.04.1941
Poesie di Orietta Romanato
è concesso in licenza con licenza
Creative Commons Attribution-
NonCommercial 4.0 International
© - PH Stefan Beutler - Photo dal Web

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento