giovedì 17 gennaio 2019

VITTORIA NENZI

Roma Metropolitana
Una cacofonia di silenziosi pensieri,
orme su orme già tracciate,
persone senza volto,
senza nome,
percorrono la stessa via tutti i giorni,
urtando l’anonimo compagno di viaggio,
respirando la stessa corrotta aria.
Uomini, donne chiusi in se stessi,
vagano inseguendo un’utopia,
nella solitudine di una vita spietata.
Città che è tempio solenne e triste,
che calca scenari amari,
cori che rifiutano dialoghi,
indifferenza muta, solitario pianto.
Cortei inneggianti, sirene urlanti,
semafori fissi sul rosso,
emblemi metropolitani che non stupiscono.
Vagabondi coperti di cartone,
ubriachi stesi a terra in un sonno artificioso,
mani tese sempre disattese,
suono di campane sepolto dal frastuono.
Una via qualsiasi,
una via che è memore di altri passi,
che sapeva di mani tese.
Dov’è la mia città,
dov’è il suono delle campane,
Il canto del Tevere,
il riso delle mille fontane?
Dove sono quei profumi in primavera,
quegli aromi di cibo genuino,
quei pianti che univano i vicini?
Roma, mia amata Roma,
ovunque per le vie del mondo,
ti trovo nelle pieghe vive
radici immortali dei natali.
In terre straniere mi canti le notti,
soffiando il ponente sui miei giorni,
mi chiudi gli occhi riempendoli
di sogni vitali nell’ora del presente.
Sussulti d’amore son i saturi silenzi,
nella memoria che urla nostalgia,
al riparo di mura e odor di pini,
su per i colli a navigar d’acqua la vita.
Son qui, Roma,
appoggiata alle tue porte,
apri il passato per un’ora sola,
ch’io possa in te adagiare il mio riposo.
Vittoria Nenzi @ t.d.r.
immagine web

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento