sabato 26 gennaio 2019

DANIELE BURATTI

Costruzzioni fantasiose
Ner cervello, quanta la fantasia
pe’ acchiappa’ ar volo, l’occasione.
Nun abbasta la necessitazzione
pe’ fatte diventa’, n’anomalia.
Riusci’ a fa’, in terazza, n’abbazzia
‘sta proprio fòra, de ‘sto capoccione.
Me spiego mejo, nu’ sei te‘r cojone
ma chi consente, de fa’ ‘sta pazzia.
Chi pe’ casa, se fa una baracca
co’ li bandon’in mezzo a ‘no spiazzo
chi sotto a li ponti, se stravacca.
Tu, invec’abbusivo, s’un palazzo
co’la giustizzia, che manco t’ammacca.
Stamio a diventa’, un monno der cazzo.
Gep© 2019
foto mie.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento