sabato 26 gennaio 2019

CESARE MOCEO


Futili ambizioni
Sul far del mattino
dopo la notte 
trascorsa in compagnia
di certi lugubri pensieri
leggo e rileggo
verso dopo verso
tutto ciò che ho scritto
e in una specie di pentimento
ripenso all'inutilità
di quelle parole pensate
e credute verità
ma divenute nullità
nella loro peritura sorte
E mi rallegro solo
a immaginarmi felice
nell'illusione
di quel che è stato
nel tempo che
cancella la mente
e lascia in bocca l'agrodolce
che a lottar m'invita
.
Cesare Moceo poeta di Cefalù
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento