venerdì 4 gennaio 2019

CESARE MOCEO


Giorni di gelo...nel cuore
Vado
tra intense folate di vento gelido
che prendono per intero
l'estensione del mio pensare
ubriaco di passi indolenti
a zigzagare tra foglie ingiallite
rinsecchite dal freddo
Cerco nel mio ciondolare
di dare un senso a ciò che mi circonda
tra i rumori attutiti dal gelo
che rende l'aria d'ovatta
e l'eccitato frastagliar dell'onde
che m'invita a veder le cose
nella realtá del loro essere
E si stende immediato
un velo d'ignoranza
tra i miei occhi e il mio vedere
come a voler precludermi
tutta la visione del mondo
e lasciarmi povero e avvilito
a volte anche stanco del mio viaggio
col solo desiderio di fermare
questo mio andar senza meta
.
Cesare Moceo poeta di Cefalú
Destrierodoc @ Tutti i diritti riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento