martedì 1 gennaio 2019

ANTONELLO VANNI


Vorrei scordar di te,
dei nostri d'amore canti,
delle nostre risa,
dei nostri sguardi persi.
Vorrei scordar di te
e gettare alle ortiche
quei sospiri empi,
ognun dell'altrui
piacer desio.
Vorrei scordar di te,
ma è facoltà
che non mi appartiene.
Adornerò allora
ogni mattino
la mia tavola
con un fiore,
nel tentativo vano
d'ingannar la mente
e ancor poter appellarti...
Amore...

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento