domenica 30 dicembre 2018

COMETA DI NATALE di CARMELO SALVAGGIO

COMETA DI NATALE
Passi come cometa
che si perde nello spazio siderale
alla velocità del nanosecondo.
Non ho neanche il tempo
d’affidarti le tante nebulose speranze
confinate dentro lo scintillio
di false stelle e fuochi di fatuo calore.
Si dilata la distanza dell’indifferenza
e gela il sangue l’aridità del consumismo.
Mi sono inginocchiato al giaciglio di paglia
e con fiducia ho guardato al Tuo messaggio...
Fuori, le voci confondono suoni d’armonia
e stride il ghiaccio sulle coscienze...
Si va avanti, “chi si ferma è perduto!”
Intorno s’alza forte il grido di solidarietà
urlato a pancia piena mentre si muore di solitudine
e allo stesso modo si muore di fame.
Ci si veste di perbenismo con gesti esemplari...
Oltre i muri di gomma
si combatte la cruenta battaglia
del “mors tua vita mea”.
Per ogni messaggio virtuoso
venduto ad arte all’opinione pubblica,
sono migliaia i martiri affogati nella melma.
Madre Maria,
aiutaci a meritare il dono elargito!
Passa anche questo Natale,
i buoni propositi si perdono nel freddo cosmo
e già, come la cometa, sono lontani anni luce.
25 dicembre 2018
Carmelo Salvaggio
immagine dal web

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento