mercoledì 11 aprile 2018

TE AMO DA MORI' di VALERIO D'AMATO


Te amo da morì
Nun t'ho visto mai invecchià,
er tempo pe’ te sembra nun passà,
sei bella come er primo giorno, 
quanno me tremavano le gambe a statte attorno.
Quanno ar mare te doravi la pelle,
pe' tutte l'antre era 'n guaio,
ti tiravi sù i capelli cor fermajo,
er collo se vedeva e te slanciava!
L'amiche tue invidiose de sta stella,
manco er zole le baciava.
Io ch'ero er prediletto a statte vicino,
me pompavo come 'n paino.
'N bellimbusto praticamente,
pe' fallo capì a tutta la ggente,
ch'ero 'nnammorato de lla più bella.
Passa er tempo e nun te tocca,
pe' me sei sempre 'na bella gnocca.
Vorrei fallo pe' te, st'urtimo passo,
ormai ho superato 'a cinquantina,
e quanno che me svejo la matina,
pe' me è 'n giorno ritrovato,
'nzieme a te e a chi te cià mannato.
L'anno scorso se l'eravamo promesso,
si piàmo sti du sordi se sposamo,
ma poi pe' 'na cosa e poi pe' 'n antra
ancora stó qui a fà er fesso.
Prima o poi sai lo che faccio,
te pio e te porto davanti ar Campidojo,
caro Sindaco je dico; è questa quella che vojo!
e prima de morì, je vojo dì de sí.
'A vita è una sola e nun la vojo butta via,
senza de te, chi me consola, sei 'a benvenuta a ní,
anche se nun te lo dico mai,
te amo da morì!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento