venerdì 6 aprile 2018

LA DROGA DE' LI POVERI di DANIELE BURATTI

La droga de’ li poveri
Drentro a n’osteria
Doppo Porta Pia
N’ omo co’ ‘na faccia brutta
Ronfava co’ la testa su’le braccia
Dall’antra parte der tavolino
Un giovinotto, schiacciava un pisolino
Sur tavolo c’ereno tre bottije vòte
E questo spiega, le dolenti note.
Tuttantratto se sveja quello brutto
E se vissa quello davanti, quatto quatto
“ Me scusi “ disse dandoje la mano
“ Ma… noi due, ci conosciamo ? “
“ Non so signore, ma s’immaiuta,
puro a me, me pare ‘na faccia conosciuta “
“ Embè, che vòle che je dico,
io abbito qui dietro, ar vico “
“ ma dimme te che strana coincidenza,
è proprio lì, che ciò la mia residenza “
“ Io abbito ar civico quattro “ disse quello brutto.
“ Che combinazione, pur’io “ disse er giovinotto.
“ Allora tocca festeggià quest’occasione
Oste, porta’na fojetta, pe’ ‘sto compagnone “
Er vino passò da’ la bottija a li bicchieri
E doppo bevuto, s’ariguardorno seri.
“ Adesso, caro amico, la debbo da lasciare,
a casa mia debbo aritornare “
“ Aspetti che l’accompagno, io puro vengo via “
Così dondolanno sottobraccio, lasciorno l’osteria.
L’oste mentre co’ lo straccio, puliva er bancone,
Li vedette annà via e tirò un sospirone.
“ Gran brutta cosa, ‘sto vino mio …
Nun s’arisconoscheno manco padre e fijo”
Gep© 2015

Paola Bosca

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento