martedì 17 aprile 2018

LA DANZA DEI COLORI di IRIS VIGNOLA


LA DANZA DEI COLORI 
Grigio assoluto, nel mattino nascente,
tenebra oscura, nel pieno giornaliero.
Di neutro colore, il mondo mio s'è appropriato,
rispecchiante le spente tinte desolate
di cui è pregnato il mesto silenzio.
Tetra spirale, carpente lo spirito avvilito,
già, d'accorata solitudine, circuito.
Ma, per sorprendente incanto...
d'espressione colorata, un'esplosione, in me e attorno,
nello scoprir il tuo sorriso,
che, improvvisamente,
da spira carceriera, m'ha strappata,
disgregatasi all'istante, magicamente.
L'avvolgente magia, sorgente dall'amore,
tinteggiante la mia vita,
fa risplendere, per me, il sole, d'oro rilucente,
infervorante la Terra, che gli si concede,
sua anima gemella.
E consegue che il verde dei prati, s'accende,
dei fiori, si ravvivan pigmenti
e, dell'acqua marina, il blu turchino,
sottratto al cielo in un saccheggio continuo.
Rosso passione, colora le mie labbra,
quando, alle tue, s'avvicinano per un bacio divino
trascinante l'anime in volo sull'iridescente arcobaleno,
attirate dalla danza dei colori,
toni policromatici di cui c'inebriamo,
attendendo la notte e lo spuntar della luna.
Giunta, imperturbabile, ci scruta,
magari fingendo,
giacché par sorriderci, inondandoci d'argento.
© Diritti riservati/IRIS VIGNOLA
25-04-2014

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento