domenica 14 gennaio 2018

VERSO LA FINE di MICHELE MELILLO


VERSO LA FINE
E divenne impervio
Anche il pensiero
In questa vita imperscrutabile
Dove ogni senso è perso
Sembrano tutti redivivi Orlando furioso
Alla ricerca del senno perduto
Oppur ognuno lancillotto
Innamorati della stessa Ginevra
E si credono grandi condottieri
Affamati d'ogni genere di conquista
E si autoproclamano re ed imperatori
Di regni inesistenti
Si cingono la testa
Di corone d'alloro
Che se stessi si sono assegnati
Autoinvitandosi alla stessa festa
Incomprensibile diventa il fare
Pieno di superbia e privo d'amore
Nel perdersi di ogni dignità
Si oscura perfino la solarità
In questo mondo non mi riconosco
Dove anche l'azzurro del mare e del cielo diventa fosco
Ed il buio assoluto
Ricopre questa strana umanità dal sogno perduto
Inutile sbattere i pugni
Nella fine di tutti i sogni
Or non s'ode più alcun rumore
Neanche il battito del cuore
Diventa impresa ardua
Uscire da questo gigantesco labirinto
Senza entrata e senza uscita
Dove si vede solo la fine!
Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Michele Melillo (in arte Escluso Mortimer)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento