mercoledì 17 gennaio 2018

GIANFRANCO CURABBA

Ci disperdiamo con ottimi
motivi, appena sorpresi con
una carnagione che ha già
un altro bel cielo, la terra
ci fa sentire improvvise
memorie senza ragione,
solo la chiaroveggenza può
tollerare la libertà dell’assenza.
Frughiamo le biografie spesso
delusi dalla infermità dei nostri
modelli che ci spiegano poco
restando senza adepti.

Gianfranco Curabba

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento