mercoledì 17 gennaio 2018

DAGLI OCCHI DI UNA DONNA di MAURIZIO SPREGHINI

"Dagli occhi di una donna"
Camminare senza l'altra metà
scivolando come l'acqua su di un fiume,
vedere appigli disegnati qua e là 
di cui non mostro mai l'utilità,
se non nell' andare avanti
in equilibrio precario sui sentimenti,
visione solitaria di quel che mi circonda
e alti così come le impervie difficoltà superate.
Femminilita' espressa a suon di sguardi
fermi nei silenti umori per chi osserva altro,
dei vestiti da immagine riflessa
ne dovevi cogliere il pensiero,
così come delle sinuosità delle parole
coperte appena da un filo di superbia,
era quel mettere alla prova
chi blaterava miriadi parole alla rinfusa.
Sei rimasto solo oggi
a sedurre il corpo come l'ennesimo trofeo,
perdendo chi si celava dietro quel sorriso
mascherato nel non voler mostrare chi ero,
facile parlare per me e non nascondere
dove chiunque si disegnava un sogno,
perché tante le cornici
è poi quasi il nulla nei colori.

Paola Bosca

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento