martedì 16 gennaio 2018

COME FIORI LA NOTTE di MAURIZIO SPREGHINI

"Come fiori la notte"
Perché il vento
annusa le mie voglie
mischiando il tuo odore
ai mille ricordi.
intrisi sulla pelle
come la scure di un boia
a lacerare un attimo
diventato in me eternità.
pensiero alla tua assenza
dove non riesco a respirare
vivendo di quell'eternità
che è nube sul domani.
raccolgo le braccia
stringendo l'ultima sensazione
come fanno alcuni fiori
che nella notte sembran non saper respirare.

Paola Bosc

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento