domenica 14 gennaio 2018

ANTONELLO VANNI


E poi la terra trema
e piovono conigli.
Annaspi nella bruma
come fiera senza artigli.
Tutto si stravolge
e il cane del deserto,
la testa indietro volge
e abbaia in mare aperto.
Ridono i salici,
il cacciatore è preda,
al vento le radici,
la vita ti congeda.
E allor l'addio
è solo arrivederci,
se ci sarà un Dio,
gli amari saran dolci!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento