lunedì 16 ottobre 2017

UN ANGELO BIANCO di IRIS VIGNOLA


UN ANGELO BIANCO
La notte sì greve non porta ristoro,
con eco rombante di tuono
e dardi di fuoco che schiantano al suolo,
con luce accecante,
schiarente due ombre
stagliatesi ai vetri, tra l'oscure fauci
che gocciolan pianto dal cielo,
similmente a saliva,
di angeli neri, espulsi dal tempio del Padre,
dall'atavico tempo del Verbo iniziale.
Essenze di demoni oscuri,
avvolti da tetra clausura,
intridon la stanza silente;
negli occhi, divampa la fiamma infernale,
scrutando quel viso dormiente
del piccolo essere a palpebre chiuse,
meticcio d'angelica e umana natura,
ch'ha ali argentate, sì chiuse a riposo,
tra riccioli d'oro,
dispersi sul tenero corpo di bimba innocente.
Un Angelo bianco, tessuto d'amore,
racchiude il mistero d'un angelo nero,
esplicito ai demoni, effigi del male,
ch'attendono il giusto momento
del vile misfatto,
nel fulcro del bieco baratto,
sancente il riscatto del nero sul bianco,
del buio imperioso su fulgida luce irradiante,
artefatto da artigli bestiali,
abiurando il destino prescritto da dita sacrali.
Qual fato risulterà indi avvallato?
Soccombente alla spira del vile serpente
o aderente alla progenie dell'imperituro bene,
ancestrale e universale genesi?
02-10-2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento