domenica 15 ottobre 2017

ROMA MIA di ANTONELLA CALVANI

ROMA MIA
Roma ‘ngioiellata se ne va cantanno tra vicoli e piazzette
e da ‘n ber sole cardo tutta iluminata
de tanto in tanto strizza l’occhio alle coppiette.
Splennente come l’oro stamatina s’è destata
e coi color de primavera s’è vestita a festa,
spruzzannose er profumo de’ su’ tanti fiori
ammalia, a tutti quanti fa girà la testa,
così ‘nce poi fa’ gnente ed estasiato dietro tu je cori.
Anche se c’ha tant’anni par sempre sia ‘na signorina,
te tenta, te soride seducente mostranno i su’ tesori,
sfacciata, ‘mpertinente, se offre come ‘na sguardrina
e follemente poi finisce che te ne ‘nnammori.
Un fremito ner core e sei fregato ‘n pieno
affascinato, senza scampo, come ‘n’allocco te la stai a guarda’
e mo’ vedrai che guaio, nun ne potrai fa’ a meno,
senza de lei te pare che ‘nce poi più sta’.
Tra ‘r Coloseo e San Pietro la segui senza posa,
te perdi tra le chiese e i monumenti, te senti manca’ er fiato,
più vede che boccheggi, più lei se fa gajarda e osa,
sfoggianno ciò ch’ er Padre Eterno da secoli, ormai, j’ha rigalato
e l’ommini han finito de dipigne mejo de ‘n ber quadro.
Città più voluttosa nun esiste ar monno,
co’ l’occhi te la ruberesti come fossi ‘n ladro,
tra le su’ braccia sarebbe tanto dorce er sonno
‘n te n’anneresti più… ‘na vorta che l’hai conosciuta
affari tua, t’avrà stregato pe’ l’eternità
e scoprirai che mai nessuna te sarà così piaciuta
come ‘sta ruffiana, seduttrice, furgida, città! AC
(da Rosso Gardenia)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento