sabato 7 ottobre 2017

RENATO FEDI

Negli spigoli del giorno
Come un ragno, vago
agganciato ai fili della vita
in questo giorno senza linee rette.
Addosso, nebbia grigia
penetra nei pori della pelle
mentre le ore corrono incessanti.
Han spigoli gli angoli,
pungono il corpo nell’andare,
è cedere sangue ad ogni incrocio.
Arriverà poi la notte
a dar pace al mio naufragare
tra queste ossessioni quotidiane?

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento