lunedì 16 ottobre 2017

PREGHIERA di ENZO DI GIOVANNI

Sin d’allora m’inginocchiai
sui miei versi e li pregai
di bussarmi forte al cuore
dolcemente senza rumore .

Crescendo li accompagnai
lungo la mia vita e li pregai
di infondermi gioia ebrezza
tanto amore e tenerezza .

Osservai con pazienza
quell’umana sofferenza
pur cercando di capire
la vita per non morire .

Feci mio il suo dolore
il suo male il suo livore
il fato ancor ci avvolge
ci illude e ci sconvolge .

E va la mia mattinata
l’aria tersa e la giornata
non son domo di capire
non son stanco di soffrire .

Scrivo , squarcio il cielo
lo raccolgo come un velo
ci detergo le sofferenze
e le umane incongruenze .

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento