domenica 8 ottobre 2017

NUN CE VERGOGNA di DANIELE BURATTI

Nun c’è vergogna
Da tutti quanti noi, è risaputo
si te và d’annisconne, ‘na magagna
pùro s’è grossa, come ‘na montagna
l’imberletti, con fare risoluto.
Pe’ questo, nun se trova sprovveduto
‘na vergogna, po’ diventa’ cuccagna
chi perde, fà finta che ce guadagna
dimostrannose puro, compiaciuto.
Si tu, ciai ‘na macchia sur tavolino
e, nun vòi fa’ vede’, ‘sto gran difetto
ce metti ‘n vaso, sopra a’n ber centrino.
Nu’ lo so’, si mo’, ho res’er concetto
ma c’è chi doppo, fatto’n gran casino
resta contento, puro, der “ guazzetto “.
Gep© 2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento