domenica 24 settembre 2017

TRA SPIRAGLI DI LUCE di MARIA CRISTINA SABELLA


Tra spiragli di luce☆¸.✿.¸.•´ ¸.•´.-✿
¯**´¯**´¯`˜”*°•.•.¸ღ¸☆
Flebile una voce grida aiuto
nessuno la sente 
sotto coltre di cemento,
uno spiraglio di luce
nel rumore della terra,
voci disperse tra campane
distese a terra …
preghiere al cielo
Signore non far tremar la Terra,
odore acre di gas si spande
chi fugge chi resta,
mani nude ormai ruvide
cercan disperate vite sepolte,
guaire di cani e code scodinzolare
si grida al miracolo
una vita è stata ritrovata,
nell'arco di un secondo
un grido squarcia il silenzio,
è morto tra le mani
il suo ultimo congiunto,
lacrime copiose miste a polvere bianca
scendon lente sulla guancia,
sporcando quell'amore
volato via nel vento di un istante,
cosa ci attende nell'avvenire
questa natura si sta a ribellare
a un uomo che come prostituta
l'ha violata nella sua più intima natura,
paura è l'unica certezza
di questo tempo che non ha più pietà,
ci si osserva guardandoci a metà,
quella che resta di una ferita ormai aperta.
(@Sabella Maria Cristina 23 Settembre 2017)
diritti riservati-ded. Alle vittime di tutti i terremoti.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento