domenica 24 settembre 2017

MARIA GHIGO

Un sottile sospirar 
di foglie 
nell'ombra del viale. 
Lo scroscio dell'acqua 
sulle rocce, 
ed un lieve gorgheggiar
di un canto remoto:
Odo passare
la sua ombra al mio fianco
in vuoti silenzi
nei passaggi di ieri.
Nell'oro ambrato
del bosco,
appena tace
ogni presenza
ramificata al mio sangue.
Radici di vita
nate e sepolte
negli inverni del cuore.
Un palpito ridesta
corolle d'amore
su zolle di terra scarlatta
nel riflesso dei ricordi .
Trafigge il sole
fronde di sogni
e rivive
in ogni ombra e presenza
il loro sospirar
il loro sospirar
nei canti del bosco
come le foglie d'autunno.
Maria Ghigo.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento