giovedì 21 settembre 2017

L'ARSURA DI VIVERE di LUCIANO ZAMPINI




L'ARSURA DI VIVERE
Spiaggiato nel mare dei pensieri
vago alla deriva delle emozioni
incagliando su ricordi mai cancellati
come questo mare in burrasca
nel suo moto imperfetto
schiumo parole al vento
lasciandole trasportare
nel baratro delle ingiustizie
ad aumentare quella bramosia
mai sazia
di avida pazza follia
non ci sono terre promesse
a che giovano le tenere carezze
scontrarsi nella tempesta
è il solo modo
di ripulirsi la testa
stanco
esausto
raccolgo la cesta della vita mia
e navigo lungo il sentiero di Poseidone
tra lanterne e stelle
dondola l'animo mio
alla luce di una luna
a volte amica e altre menzognera
mai notte fu più buia
di questa notte
il silenzio delle sirene
depreda anche l'aria
nell'oscurità cammina il mistero
nella deriva
vago
navigando.
©luciano zampini/registrata

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento