venerdì 15 settembre 2017

IL COLORE DELLA PELLE di LUCIANO ZAMPINI

IL COLORE DELLA PELLE
Sorrisi spenti
nei volti distanti
piazze gremite di anime sole
rinfacciano rabbiosi al mondo
il proprio ardore
pace e amore
è il grido nel dolore
pelle diversa per un Dio diverso
uccide nel nome
di un Signore sconosciuto
il creato
ha un solo padrone
in ogni equazione c'è sempre
un uomo e una donna
non era per servire
dolcemente vogliono amore
c'è mistero in questa vita
peccatrice e menzognera
dispersa vive l'anima del mondo
ascolta tutti i lamenti
rinchiudersi dentro
non è mai amore.
©luciano zampini/registrata

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento