mercoledì 2 agosto 2017

CA TU DDICO A FFA di BELGIRO DI MARZO


Faje 'o padrone é spar'
fuoco in quantità,
l'acqua é surore
nun basta 'p 't stutà,
'na mano asciuga a fronte
chell'ata stizz' é pile,
aspett' a sera pa rinfrescata
ma tu cumann' é nun vuò lassà,
pure 'o cielo sta surann'
quann' a luna stà saglienn',
mentr' é stelle prerechenne
sotto 'o cielo ca lamenta,
manc' 'o sciato é i frasche ferme
a clorofilla 's è seccata,
mamma mia che calore
song' tutto nu vapore,
se 't chiedo stu favore
stut' a stufa é v'addurmì,
ca tu ddico a ffa
tant' so io c'aggia surà.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento