sabato 5 agosto 2017

ANTONELLO VANNI


E fu al versar dell'ultima lacrima
che cuor di tuono si frantumò.
Sbatterono le porte allora,
soffiò un vento gelido,
e il Sole si oscurò.
Scesero le tenebre
e il pallido candore
della rotonda luna,
anzi di tramontare
in rosso fuoco mutò.
Poi tutto attorno tacque,
il silenzio squarciò il silenzio,
e ciò che un tempo fu melodiosa musica,
per sempre giacque...

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento