domenica 6 agosto 2017

ALLE SOGLIE DELL'INFERNO di CESARE MOCEO


"A volte le persone speciali
son troppo lontane
mentre quelle inutili
le abbiamo accanto"
Cammino triste
pei luoghi della mia gioventù
nel dolore struggente
di veder bruciare
cose alberi e natura
che ho visto crescere
nei miei occhi
E vado ancora solitario
in questi angoli di sconforto
nel silenzio della morte
raccattando i resti di ciò
che un tempo dava gioia
alla mia infanzia
e raccogliendo
tra i sentieri desolati
rami ancora ardenti
e uccellini morti
a cui devo umana sepoltura
Io che non avrei mai creduto
di poter piangere per un albero...
Cesare Moceo
con il pregevole contributo
di Claudio Barbera @
tutti i diritti riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento