domenica 2 luglio 2017

GROTTE di PAOLA SVIBEN

MENZIONE DI MERITO PERSONALIZZATA CON LODE ALLA CREATIVITÀ SE. A

Labirinto di mente
il bandolo non trova,
l'uscita è murata.
Corpo che imprigiona
la sua schiava,
catene che lasciano
solchi sull'anima ricucita.
Filo che tesse nuove trame,
che rammenda strappi incolmabili.
Tatuaggi ancora vivi,
tratti rossi,
sanguinano lacrime

mai asciugate.
L'eco del silenzio
si ascolta,
urla si strozzano in un respiro
e lì, nelle grotte,
esalano.
Ancora suono,
ancora Vita.

Motivazione: Ferite tatuate nell’anima, memoria lucida del dolore che non muore, quasi a tenerle abbracciate per non dimenticare e nel silenzio si alimenta uno strazio per farlo poi esalare con l’ultimo respiro.

Paola Bosca.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento