giovedì 20 luglio 2017

GOCCE DI MEMORIA, GOCCE DI PIACERE di VLADIMIRO BOTTA


Sepolte dentro ai nostri pensieri,
le condivisioni che sono gocce di memoria che profumano i silenzi,
suggestioni di nuvole offuscate, mentre da qualche parte cade pioggia sottile,
umidi prati che attendono la carezza del sole.
Corse trafelate, asfodeli che fioriscono sugli stretti sentieri, affacciati sul bel mare,
un tuffo da altezza vertiginosa, nel blu trasparente di un mare antico,
la spuma delle onde che accarezza la nuda pelle,
le labbra che si coprono di salsedine.
Solamente il baciarti, darà ristoro all’arsura che mi abita.
Al plenilunio, l’argentato raggio, trafiggerà lo smorzarsi delle onde,
al limitare indefinito della battigia, rotoleremo affamati d’amore,
gocce di memoria, gocce di piacere,
alta marea che tutto ricopre.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento