domenica 2 luglio 2017

FOTOGRAFIA DI BIMBO VIRATO SEPPIA di LUIGI MAFFEZZOLI



MENZIONE DI MERITO PERSONALIZZATA CON LODE ALLA CREATIVITÀ SE. A


Il cielo è nuvoloso
Primavera
O autunno
Millenovecentotrenta, anno più anno meno
Un bimbo che si guarda intorno
Un cappottino mosso da un po' di vento
Le calzettine bianche della festa
La strada è larga, una sola Balilla posteggiata
Un palazzo e qualche casa bassa
La gente ci passeggia in mezzo
Sullo sfondo un orizzonte aperto
Le nuvole nascondono il sole
Il bimbo si guarda intorno
Aspetta lo scatto
Lui vedrà
Le nuvole aprirsi e il cielo incendiarsi
E un Pippo con scarsa mira
Centrare scuole e asili
Lui salirà su un treno e si dirà un’Ave Maria
Perché tra la propria casa e un campo di concentramento
C'è la distanza di un testa o croce
Lui se ne andrà
A parlare con l'oca dello zio Gioacca
A guardare il lago
Così calmo visto dall'alto
Lui fuggirà in bicicletta
Vedrà qualche amico sparire
E altri imparare ad ammazzare
E suo padre pregare
E poi perdonare
Il bimbo si guarda intorno
Primavera o autunno
Millenovecentotrenta, anno più anno meno
si dice che ha una vita davanti
E non pensa possa passare in fretta
Aspetta lo scatto per andare
Con la sua bicicletta
che non ha paura del futuro
Il bimbo vedrà la guerra
E le macerie della pace
Prenderà un altro treno
Per la Svizzera bianca
Sarà bravo a manipolare
Acidi e veleni che gli resteranno come ricordo
Dentro nei polmoni
Il bimbo avrà figli
una moglie per sessantacinque anni
E non farà del male
E non dirà mai che lui fa del bene
Ma non chiuderà la porta di casa
Il bimbo
Si guarda intorno
"È fatta?" Chiede
"Meglio andare, che il cielo è pieno di nuvole
E forse pioverà."
Il bimbo inforca la bicicletta,
Suo padre tornerà in tram
La strada ha un orizzonte aperto
In breve si riempirà di case
E non la si riconoscerà più.

Motivazione: Un testo, una vita raccontata in versi, l’inizio e la fine di mille emozioni in flahback che riavvolge la struttura della sua storia stretta nel silenzio dell’anima.
Paola Bosca.







Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento