mercoledì 5 luglio 2017

ATTESA di ANGELA CANTORE

Attaccata con le lacrime
a muri di cristallo
che vibrano ai colpi
di pioggia incessante.
Gli alberi ondeggiano
e le foglie sbattute dal vento,
l’attesa di una parola,
di un gesto, di un sorriso
si fa sempre più estenuante.
Passano i minuti,le ore, il giorno
in cerca di un abbraccio
che oggi è solo una chimera.
Ieri era calore, serenità, gioia.
Oggi delusione, amarezza,solitudine.
Non crollo amore inventato.
Ho tanta voglia di dare,di amare…
le piccole grandi cose
come l’amico che mi porge la mano
e questo timido raggio di sole
che riscalda la mia vita
e proseguo il mio viaggio.

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento