lunedì 12 giugno 2017

QUELLE NOTTI di CESARE MOCEO

Sogni proibiti
in notti passate in compagnia
di mesti momenti
eternamente vestiti d'avviliti misteri
nel mio istinto intriso di profonde amarezze.
dove gli angeli piangono dolorose lacrime a bagnare il destino di iracondi uomini
contro il tempo che inesorabile
scorre a frantumare i ricordi
nella libertà oltraggiata
e la dignità negata
labbra chiuse si parlano addosso
nell'unica luce ancorchè fioca
che apre il cuore ai nuovi orizzonti
Cerco Te Speranza
per risanare quelle cicatrici
a Te attingo limpide acque
a riscattare la coscienza sospesa in quei vuoti
Tu che mi scaldi con la tua umile fiamma
t'aspetterò ancora paziente
nelle magie di altre notti...
.
cesaremoceo
Tutti i diritti riservati

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento