lunedì 12 giugno 2017

IL SAPORE DEL VUOTO di MAURIZIO OSTUNI


Il sapore del Vuoto
vuoto enorme concentrato spazio riempito svuotando cio' che di te è il tuo vero essere.
Ho assaggiato il suo sapore, ho avuto paura di quel sapore, cresciuto rinato nuovamente dentro me all'infinito. Il vuoto sa dei pensieri intrappolati nella mente, dalla loro stessa paura, di non riuscire a fermarsi nel precipitare fino in fondo, nel gustare tutto il suo sapore, il sapore vero del essere soli, vuoti, indifesi, feriti, noi.
Il sapore del vuoto è come il noi ripiempito dalla vita di tutti i suoi sapori, dei colori e dei profumi del mondo che sapore non hanno mentre si dissolvono nell'attimo suo nascere. Li noi....dove non ci rendiamo conto di averlo gia' assaporato, gustato, vissuto, amato........questo è il sapore del vuoto, il rincorsersi dell' attimo, dell'inizio e della fine. Brevissimo infermo, attimo di catene amate, temute. Il vuoto ha il sapore del tutto e del niente uniti, paura del vero sapore di noi stessi che temiamo assaggiare. Da lì, gustoso niente insipido nasce il sapore del vivere, le paure del vivere.
Veleno
Veleno & rum

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento