lunedì 1 maggio 2017

MAGGIO di ANTONELLA CALVANI

...E maggio ritorna festoso, col suo passo lento,
ricami di fiori e profumi, intorno, nell'aria io sento...
Il sole splendente ci rende nel cuor più giulivi,
sta l'animo già pregustando il sapore dei bei giorni estivi.
Non c'è fior di campo, papavero, rosa o viola,
che spunti tra rovi e cespugli od orni l'aiuola,
che porti colori smaglianti, allegri e gioiosi,
come i fiori che sbocciano a maggio fitti e odorosi.
Si veste, col verde, di festa, s'addobba il creato di bello,
si fa Dio pittore e s'ingegna con un variopinto pennello
spandendo e spruzzando colori, in terra li sfuma, giocondo:
ed ecco l'incanto di maggio che appare sul mondo.
Nell'aria lontano ormai echeggia la voce dell'umido inverno,
rimane incantato anche Dio, si bea, guardando quaggiù, dall'eterno. AC
(da Lacrime di cielo)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento