martedì 23 maggio 2017

FEBBRAIO E LA SUA CROCE di PAOLA BOSCA

Non c'è preghiera a smorzare la memoria
vaga il pensiero tra pelle e ossa
come chiodo buca l'anima.
Sei sasso rovente nell'assolato prato della notte
il silenzio striscia come serpe sul corpo
la supplica conficcata nella gola.
Febbraio è un mese freddo
un cappotto non scalda il ricordo
non acquieta i brividi di terrore.
Ogni poro è rivolto al cielo
piovono lacrime nere
un rosario stretto tra le dita ascolta il lamento.
Eri luce nella fitta nebbia di periferia
i fari della macchina inseguirono la preda
d'un tratto si spense l'universo.
Il vento fiatava pesante
accorato come una poesia
Febbraio è la croce appesa al cuore
© Paola Bosca/registrata
immagine web

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento