giovedì 13 aprile 2017

'U CUMPARE di michele melillo


Ma iu ci u ricette a chillu là
Chestu nun se fa'
Ma issu me rirette n'faccia
E u cuntinuatte a fa'
Ma verite chistu che faccia tosta
Nun se mette scuornu e niente
Mancu e se fa vere' ra gente
Quannu sta tuttu annuru
Stu cumpare è propriu nu fetente
Se ficca rint i letti e chiu' cummari
E là passa a notte a rire beve e cunsuma'
E ogni matina po' pe colpa soia nu curnutu e chiu' ce sta
Ma prima o roppu
Statt accuortu che te rompunu l'ossa
I ciu ricette
Ma issu nun me vulette asculta'
Ci ricette puru cumpa' stamme a sentì
Tu ta fai cu troppe cummari
Cheste te fannu fa vecchiu chiu' ampressa
Po' nun te lamenta' si te fannu muri'
Cumpa' me ricette issu
E chi nun a vulesse fa na morte accussi
Rint e vracce e nu mare e femmine
Che te se vonnu arrevuta'
Ma cheste so spusate
Iammu cumpa' nun se fa'
Pensa si u facesseru a te
Ci rimanissi male e te sentissi peggiu re nu cane
Ma a me nun me po' capita'
Propriu pe chestu nun m'aggiu spusatu maie
E me salutatte ricenne cumpa' che ci vulite fa'
Ce statu chi è natu pe suffri' e chi pe campa'
Stiteve bonu e salutateme a cummara
Ma roppu tantu tempu venette a sape'
Che u cumpare murette sulu e senza niente
E che tutti quanti lavevanu abbandonatu
È propriu veru che chi troppo vo' a fine rimane senza niente
E stu cumpare che curnuti ne aveva fatti tanti
Alla fine propriu issu finette curnutu e mazziatu!
Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Michele Melillo (in arte Escluso Mortimer)
IL COMPARE
ma io glielo dissi a quello là
Questo non si fa'
Ma lui mi rise in faccia
E lo continuò a fare
Ms vedete questo che faccia tosta
Non ha vergogna di niente
Neanche di farsi vedere dalla gente
Quando sta tutto nudo
Questo compare è proprio un fetente
Si intrufola nei letti di più comari
E là passa la notte a ridere, bere e consumare
Ed ogni mattina per colpa sua c'è un cornuto in più
Ma prima o poi stai attento
Che ti rompono le ossa
Io glielo dissi
Ma lui non volle ascoltarmi
Gli dissi pure compare stammi a sentire
Tu te la fai con troppe comari
Queste ti fanno diventare vecchio più presto
Poi non ti lamentare se ti fanno morire
Compare mi disse lui
E chi non la vorrebbe una morte così
Fra le braccia di un mare di donne
Che vogliono prenderti
Ma queste sono sposate
Dai compare non si fa'
Pensa se lo facessero a te
Ti sentiresti peggio di un cane
Ma a me non può capitare
Proprio per questo non mi sono sposato mai
E mi salutò dicendo compare che ci vuoi fare
C'è chi è nato per soffrire chi per campare
Statevi bene e salutatemi la comare
Ma dopo tanto tempo venni a sapere
Che questo compare era morto solo e senza niente
E che tutti quanti lo avevano abbandonato
È proprio vero che chi troppo vuole alla fine rimane senza niente
E questo compare che cornuti ne aveva fatti tanti
Alla fine proprio lui finì cornuto e bastonato!
Si riserva ogni uso o utilizzo @copyright di Michele Melillo (in arte Escluso Mortimer)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento