sabato 15 aprile 2017

SI DIO NUN FOSSE AMORE di ANTONELLA CALVANI


Si Dio nun fosse amore
avrebbe ggià annientato questo monno
c’avrebbe relegati ner profonno
pe’ tutto quer che l’ommini d’orore
han seminato in secoli de storia.
A niente servirebbe, allor, la farsa bboria
de chi combatte ogn’assurda guera
e immola in sacrificio, come fosse agnello,
ergennose a Caino, er su’ fratello,
spargenno odio e sangue su la tera.
In nome d’ideali o d’una fede,
corotta, insana, folle, ormai l’ummanità
se nutre de livore e compie atrocità
e mo’ giustizzia forte se richiede
poiché nun c’è più l’ombra de ritegno,
in alto un grido s’eleva de sdegno
che libberi l’umani dar marvaggio.
Quanno er divin progetto c’ha creati
po’ esse ch’eravam predestinati
d’infausta crudertà a pati’ contaggio
ma der su’ regno nun fa parte er male
e forse nun è proprio casuale
se pronuncianno er nome der Signore
nun vie’ rima con odio ne’ co’ guera
perché pe’ ogni credo che c’è in tera
rima perfetta fa co’ la parola amore. AC
(da Rime sparse)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento