giovedì 6 aprile 2017

IN NOME DEGLI INNOCENTI di MARTA GIACCAGLIA




Non riesco più a vedere
quei volti spaventati
erano li a sognare cioccolata
tra le braccia della vita
che prometteva ancora
zucchero in una storia sbalordita.
Hanno ricevuto il sale
succoso vomito di ogni male
dove c'era il vento
all'improvviso è mancata l'aria;
non v'è diritto alcuno,
una scelta, nessun errore,
nel portare un simile orrore;
non ha senso alcuna giustificazione.
Cessi ora la guerra
nel loro nome.
Marta Giaccaglia

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento