giovedì 13 aprile 2017

GRECALE di GIORGIO BISIGNANO

Il mio saluto affido al vento
che litorali odorosi lambisce
d’aranci, ulivi melograni e fiori
al tuo grecale và dolce sospiro.
Brezza odorosa di sale, antichi
ulivi ed epici canti, sfiora
i tuoi capelli biondi e occhi profondi
tersi come il mare che ti fu da grembo.
Gentil amica freme il cuore mio
a ogni saluto tuo omaggio faccio:
una carezza dal vento portata
verso le spiagge limpide e sincere.
Accogli affetto mio nella tua terra
si bella e generosa e decantata,
di case bianche tinteggiate al sole
e le migliaia di isole all’ intorno.
E tu baciata dalla brezza,donna
lungo aspro litorale frastagliato
respiri altera aria d’antica stirpe
e scruti il mare con austero ciglio..
Immagino il tuo volto bello e fiero
guardar ad ovest dove il mio pensiero
come eco ancor risponde al tuo sguardo.
ad est guardando in occhi umidi di pianto.
13-04-2017
Giorgio Bisignano
(foto web)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento