giovedì 23 marzo 2017

SPIRAGLI di IRIS VIGNOLA


Pudicizia, 
dietr'al sipario d'una vita immacolata,
sconfitta in modo repentino
da spiragli dei tuoi occhi sibillini,
ch'accendono lo sguardo muto,
ch'annaspa a ricercar appigli,
per non cedere oltremodo.
Incutendo fervore, rossore,
san confondere la mente,
come fosser strali infuocati,
erranti, guizzanti
incontro al lor morire.
Morire nei miei occhi.
Scagliando onde d'amor frementi,
fomentano appetiti,
nel pieno d'imbrunire,
tremule scaglie di mare,
ingenue e trasparenti,
che corrono sognanti
Incontro al lor morire.
Morire nei miei sensi.
Ceruleo il lor colore,
fan sussultar il corpo,
lambiscono i miei seni,
sofferman tra le cosce,
lievi carezze vogliose
ch'ascendono al desiato nido,
incontro al lor morire.
Morire nel mio scrigno d'amore.
23-03-2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento