martedì 7 marzo 2017

SOTTO L'UCELLO DE ROMA di DANIELE BURATTI




Un granne amico, Rocco Giggiordano
m’ha fatto riflette su ‘na quistione,
da sempre a Roma, ce fù er piccione
coi tromboni, li mannorno lontano.
Poi li storni, tornorno piano piano
quante cacate, senza distinzione
cambia colore pure er cuppolone
Mo’, puro le cornacchie a fa’ baccano.
Me torna in mente quelo stornello
che cantava der fischio d’usignolo
a quanta gente, piace sentì l’ucello,
te fa’ felice, nun te senti solo.
Ma mo’ te tocca girà, co’ l’ombrello,
o…sei concimato come un citriolo.
Gep© 2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento