mercoledì 29 marzo 2017

PAPÀ TUO (( per una figlia nata e morta lo stesso giorno) di PAOLO AURELIO MONTELEONE


Avrei voluto dirti tante cose,
avrei voluto darti tante rose,
mille carezze avrei fatto
al tuo bel viso
mille volte avrei sorriso al tuo sorriso
La vita e"stata breve, e' stata criminale,
ti ha presa troppo presto, facendomi del male.
Io non ti ho vista crescere, correre, giocare,
ti ho solo vista nascere,un sospiro, e poi morire.
Avrei voluto farti tante feste,
e invece ho giorni bui e notti meste.
Pensieri tristi e lacrime negli occhi,
che se li chiudo, mi sembra che ti tocchi .
Avrei potuto prenderti per mano,
camminar con te e andar lontano,
accarezzare I tuoi capelli biondi,e specchiarmi nei tuoi occhioni tondi.
Avrei con te scherzato, per ore e giorni interi,
ti avrei insegnato ad amare,
con sentimenti veri.
Ti avrei voluto bene,
ti avrei voluto tanto,
e invece sono qui,
ad asciugarmi il pianto.
Un pianto senza fine,
di quelli sai....a dirotto,
col cuor spezzato,
e dal dolor distrutto.
Io t'amero'per sempre, da qui
all'infinito,
Tu mi sarai nell'anima,
amore mio perduto.
Papa' tuo.
Paolo Aurelio Monteleone

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento