mercoledì 29 marzo 2017

OSSESSIONI di DANIELE BURATTI




…Un lungo corridoio bianco e una porta.
Apro la porta e mi ritrovo
in un lungo corridoio bianco e una porta.
Non mi piace, provo a tornare indietro,
ma la porta non si apre.
Allora vado avanti e apro la porta.
Un altro corridoio e un’altra porta in fondo.
Cerco di fuggire, da questa ossessione,
comincio a correre.
Corridoio e porta, corridoio e porta,
corridoio e porta… poi il vuoto.
Cado in questo vuoto, gridando disperato.
Mi sveglio, sono a letto. Era solo un sogno.
Sono tutto sudato, ho bisogno d’aria, devo uscire.
Allungo la mano per aprire la porta,
ma non trovo il coraggio, di aprire questa porta.
Gep© 2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento