martedì 21 marzo 2017

MATILDE MARCUZZO

Ha un potere la notte 
che cancella le impronte 
e sperde i fiati.
Come un copricapo 
scalda i concetti
e scende a pareggiare gli angoli
fra il nero e l'escluso.
Nessuno ostenta o recita rosari
ma paga nel petto l'immorale
e partorisce neofiti peccati.
La luce è un tratto indistinto
una collana che danza sulle vene.
Io la vedo che combatte con l'ora tarda
e con un amore immortale e infinito.

Matilde Marcuzzo (c)

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento