venerdì 31 marzo 2017

LE COSE SERPRICI di DANIELE BURATTI




Isabella, la fija der Sor Nino
nun c’era verzo che se maritasse
mica, perché lei nu’se lo cercasse
ma pe’ via certa, de un difettino.
‘Na puluria nera, sott’ar nasino
peggio d’un fante de seconda classe
faceva si che chiunque, scappasse
senza manco prova’ un bacettino.
Pòra pupa, bella ma condannata
Jole, la madre, ce se disperava
ma poi Nino, s’anvento’ ‘na trovata.
Tutti i giorni, li baffi je tajava
e fu così, che lei se trovò sposata.
‘Na cura semprice, chi ce penzava…
Gep© 2017

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento