domenica 5 marzo 2017

IL RITRATTO di ANTONELLA MORINI


Un vetro rotto
e il ritratto
prende vita.
Bellissima,
sento
il tuo respiro,
ho liberato
il tuo dolore
pari al mio.
Quel profumo
di fiori
si propaga
in tutta la stanza.
Puntuale
come ogni notte,
mi siedo
sul nostro divano
e rimango fermo,
paralizzato
dai ricordi.
Rabbia
che si perde
nel tuo angelico viso.
Nessuna colpa
se non
dell'assurdo destino
che ci separò.
Il corpo
ha preso distanze
ma la tua anima
ancor vicina
attende
in silenzio
il mio arrivo.
Antonella Morini

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento