lunedì 6 marzo 2017

GIOCAVO di ENZO DI GIOVANNI


E giocavo con le stelle
col sorriso e la sua pelle
e l’amor che penetrava
dentro lei che si donava .
Furono attimi di follia
di sovrumana fantasia
di speranze e di misteri
e di giorni lusinghieri .
Quella forza mi spingeva
più in alto e mi faceva
librar di cuore in cuore
senza paure nè timore .
E mi donavo alla vita
con il cosmo tra le dita
e l’amor che tutto cuce
ci abbaglia e poi riluce .
Cessarono le emozioni
quelle vere e l’evasioni
poi cantai prigioniero
di quei giorni da guerriero .
Son quì le braccia al vento
a pregar col mio tormento
cerco pace che non trovo
sui monti ancor ci provo .

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento