domenica 19 febbraio 2017

PLUMBEO COME LA MORTE di ANTONIO STASI


Rigurgiti d’orrore in mente lucida
Delirante d’esasperata insonnia
In frange di velluti scarlatti
dall’imbevuto coraggio
In lacrime di sangue
Volatile, tenebroso
Come la morte,
l’orrendo sonno eterno
nella disperazione dell’infinito strazio
nella notte dei sensi
nell’abisso del senno
oltre il delirio della pazzia
al di la del comprendonio dei savi
nella fine del tempo,
dei tempi, dell’ignoto noto .
ora langui in connubio col male
nel greve della pazzia;
oltre ogni immaginazione;
al di la del bene e del male!!

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento