venerdì 24 febbraio 2017

'O PENZATORE PENZANNE di BELGIRO DI MARZO


Ormaje è scuro
é penzo a stu mumento,
'nu sciato é 'nu suspiro
tra mura é quatto spiguli,
'm giro attuorno attuorno
se trovo almeno l'ombra,
'o silenzio è ammusciante
manco a mosca è rampante,
stò giranno 'ntuorno 'o tavolo
é i cosce lente é stanche,
stu penziero da serata
's ferma é molla a presa,
l'ultima parola é 'na mente
appucciucuta...guagliò s'è fatto
tardi,
nun stà appriesso allu penziero
é parole 'ne so tante,
tanto sta dimane 'cu a capa
arripusata é avoglia a che penzà,
mo sento é carne meje
meglio a 'nu penzà,
sfodera chistu lietto
é mittete a sunnà.
B. Di Marzo

Nessun commento:

Posta un commento

Lascia il tuo commento